Il binge eating aumenta il rischio di diabete

Il binge eating aumenta il rischio di diabete

Una nuova ricerca sembra avere scoperto una nuova causa scatenante del diabete di tipo 2: il binge eating.

Le donne che praticano il binge eating (noto in italiano come disturbo da alimentazione incontrollata o BED secondo l’acronimo inglese di Binge Eating Disorder) sarebbero a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, indipendentemente dalla loro corporatura.

Alison Field, ScD del Boston Children’s Hospital, ha riportato in occasione della Obesity Week di Atlanta i risultati di uno studio di coorte condotto in merito. Su 4.300 ragazze, quelle che praticavano il binge eating con frequenza, senza assumere lassativi o indurre il vomito al termine di un grande pasto, presentavano un rischio quadruplicato di sviluppare il diabete di tipo 2, anche dopo aver preso in considerazione l’indice di massa corporea nel gruppo di controllo.

Questa associazione è risultata ancora più importante dopo aver controllato la storia delle madri delle ragazze per quanto riguarda il diabete di tipo 2.

Il binge eating comporta l’assunzione di grandi quantità di cibo, solitamente trattato a livello industriale e con un alto contenuto di carboidrati, soprattutto zuccheri. Tutto ciò dà il via ad una risposta pesante da parte dell’insulina che potrebbe esaurire le cellule beta in maniera cumulativa, aumentando così il rischio di resistenza all’insulina stessa. Nonostante esista una chiara corrispondenza tra il binge eating e il diabete di tipo 2, la Dr.ssa Field ha affermato che questa relazione necessita di studi più approfonditi.

Lo studio effettuato dalla Dr.ssa Field e dai suoi colleghi di Boston ha preso in esame un gruppo di ragazze i cui disturbi alimentari erano già stati studiati con cadenza annuale tra il 1996 e il 1999. I ricercatori hanno eseguito dei controlli di follow up durante il 2010 per verificare lo sviluppo del diabete di tipo 2.

In tutto, lo studio ha preso in considerazione 4.323 pazienti di sesso femminile con un’età media di 15 anni e un indice di massa corporea generale di 20,93. Soltanto il 13% delle ragazze era sovrappeso e solo il 4% obese. Durante il follow up sono insorti 49 nuovi casi di diabete.

La frequenza media di binge eating era bassa: solo l’1,77% delle ragazze si sottoponeva a questa abitudine con cadenza settimanale, l’1,36% aveva ricevuto una diagnosi di disturbo da alimentazione incontrollata e il 4% presentava altre caratteristiche tipiche di una tipologia minore di binge eating.

In media, i ricercatori hanno riscontrato che le ragazze che si sottoponevano frequentemente al binge eating avevano molte più possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2 durante il follow up.

Questa scoperta è stata rinforzata a seguito del controllo della storia materna delle ragazze in merito al diabete di tipo 2.

A seguito di analisi ulteriori, inoltre, i ricercatori hanno notato che la relazione tra il binge eating e il diabete era maggiore tra le ragazze che manifestavano un disturbo da alimentazione incontrollata pienamente conclamato e a seguito del controllo della storia materna in merito al diabete di tipo 2.

La Dr.ssa Field ha riportato di non aver trovato alcuna associazione tra un binge eating di tipo meno frequente e il rischio di sviluppare il diabete.

Molto probabilmente lo studio della Dr.ssa Field e dei suoi colleghi è da considerarsi limitato dal fatto che il 90% delle ragazze prese in considerazione è di razza bianca e dal fatto che il diabete di tipo 1 non è stato preso in esame.

Nonostante ciò, i ricercatori sono stati in grado di concludere che le ragazze che si sottopongono spesso al binge eating si espongono ad un alto rischio di sviluppare il diabete indipendentemente dal loro peso.

Field ha consigliato ai medici di fare attenzione ad eventuali segni di binge eating nelle loro pazienti adolescenti e nelle giovani adulte. Studi ulteriori potrebbero portare ad includere la prevenzione e il trattamento del binge eating tra le opzioni possibili per ridurre il rischio di insorgenza del diabete di tipo 2.

 

Field AE, et al “Independent of BMI, female binge eaters are more likely to develop diabetes” Obesity Week 2013; Abstract T-9-OR.

Dott. Federico Baranzini

www.ahealthy.us

 

  • Articoli recenti
Author Details
Ti piace questo sito? Vuoi pubblicare anche tu articoli come questo a tuo nome? Cerchiamo persone motivate e intraprendenti come te. Se sei un operatore della Salute Mentale scrivici e sottoponi la tua candidatura! Ti aspettiamo!
Contact us
×
Ti piace questo sito? Vuoi pubblicare anche tu articoli come questo a tuo nome? Cerchiamo persone motivate e intraprendenti come te. Se sei un operatore della Salute Mentale scrivici e sottoponi la tua candidatura! Ti aspettiamo!
Latest Posts
  • anoressia nervosa
  • il ribes nero fa bene al cervello
  • fumo e meditazione mindfulness
Categories: Abitudini alimentari

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*