Il consumo di fruttosio nell’adolescente potrebbe peggiorare i sintomi depressivi

Il consumo di fruttosio nell’adolescente potrebbe peggiorare i sintomi depressivi

Un eccesso di fruttosio potrebbe causare un peggioramento dei sintomi depressivi ed ansiosi durante l’adolescenza, secondo una nuova ricerca.

Il consumo di una dieta ricca di fruttosio durante l’adolescenza può peggiorare il comportamento di tipo depressivo ed ansioso ed alterare il modo in cui il cervello reagisce allo stress, secondo una nuova ricerca eseguita sugli animali e presentata a Neuroscience 2014, l’incontro annuale della Società di Neuroscienze e la più grande risorsa al mondo per quanto riguarda le novità emergenti relative alla scienza e alla salute del cervello.

I risultati da noi ottenuti offrono delle nuove prospettive relative al modo in cui la dieta può alterare la salute cerebrale e potrebbero condurre a implicazioni importanti per quanto riguarda la nutrizione e lo sviluppo degli adolescenti

ha affermato l’autore principale dello studio, Constance Harrell della Emory University di Atlanta.

Harrell ha presentato il suo lavoro in occasione della conferenza stampa sul tema “Dieta non sana, mente non sana“. Harrell è una dottoranda che lavora con la Dr.ssa Gretchen Neigh, assistente universitaria di fisiologia, psichiatria e scienze comportamentali alla Emory University School of Medicine.

Il fruttosio, uno zucchero che possiamo trovare in natura presente nella frutta e nei vegetali e che può essere aggiunto a diversi cibi e bevande confezionati, può promuovere degli effetti cardiovascolari negativi. Il fruttosio, inoltre, stimola dei circuiti neurali in grado di influenzare il modo in cui il cervello reagisce allo stress, e questo può avere ripercussioni comportamentali importanti, come ad esempio il peggioramento dei sintomi legati alla depressione e all’ansia. Tali effetti sono particolarmente preoccupanti durante l’età adolescenziale, un momento critico per lo sviluppo della risposta cerebrale allo stress.

Per determinare se il consumo di fruttosio sia in grado di creare dei cambiamenti a lungo termine sul metabolismo e sul comportamento durante l’adolescenza, Harrell e colleghi hanno somministrato a topi adolescenti ed adulti una dieta a base di fruttosio in quantità standard ed elevate. Dopo un periodo di 10 settimane, soltanto i topi adolescenti e non gli adulti presentavano una risposta diversa dell’ormone dello stress di fronte ad un agente stressante acuto, una risposta consistente con il loro comportamento di tipo depressivo. Durante lo studio, inoltre, i ricercatori hanno provveduto ad alterare un circuito genetico presente nel cervello e che gioca un ruolo fondamentale per regolare il modo in cui il cervello risponde allo stress. Queste scoperte indicano che il consumo di una dieta ricca di fruttosio durante l’adolescenza potrebbe esacerbare i comportamenti depressivi ed influenzare il modo in cui il corpo ed il cervello rispondono allo stress.

 

Sciences, Emory Health. “Depressive-like behavior likely exacerbated by high-fructose diet in adolescence .” Medical News Today. MediLexicon, Intl., 21 Nov. 2014. Web. 17 Feb. 2015.

Dott. Federico Baranzini

www.tbk.co.zw

 

  • Articoli recenti
Author Details
Ti piace questo sito? Vuoi pubblicare anche tu articoli come questo a tuo nome? Cerchiamo persone motivate e intraprendenti come te. Se sei un operatore della Salute Mentale scrivici e sottoponi la tua candidatura! Ti aspettiamo!
Contact us
×
Ti piace questo sito? Vuoi pubblicare anche tu articoli come questo a tuo nome? Cerchiamo persone motivate e intraprendenti come te. Se sei un operatore della Salute Mentale scrivici e sottoponi la tua candidatura! Ti aspettiamo!
Latest Posts
  • Toni binaurali
  • Disturbi d'ansia
  • Persone Generose
Categories: Abitudini alimentari

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.